Back Market, il marketplace di prodotti elettronici ricondizionati, raccoglie 450 milioni di euro e tocca il valore
di 5,1 miliardi di euro

Il round di investimenti di serie E condotto da Sprints Capital insieme a Eurazeo, Aglaé Ventures, General Atlantic e Generation Investment Management, rafforza la leadership di Back Market nel settore.

Milano, 11 gennaio 2022Back Market, il principale marketplace di elettronica ricondizionata, annuncia oggi un round di investimenti pari a 450 milioni di euro che fa seguito alla raccolta di serie D dello scorso maggio. Il round è condotto dal nuovo investitore Sprints Capital con il continuo supporto degli investitori già presenti al fianco di Back Market.

Il round di serie E sostiene la visione rivoluzionaria di Back Market e consente all’azienda di rafforzare la sua leadership di marketplace esclusivamente dedicato alla vendita di prodotti elettronici ricondizionati da esperti. Il cofondatore e CEO di Back Market, Thibaud Hug de Larauze, spiega: “Il nostro obiettivo è rendere l’elettronica ricondizionata la prima scelta per gli acquisti tecnologici. Ci aspettiamo di vedere, nel mercato dell’elettronica, uno sviluppo analogo a quello del mercato delle auto di seconda mano, le cui vendite sono aumentate rispetto alle auto nuove. Il sostegno e la fiducia di questi fondi, insieme alla crescita della nostra clientela, segna un passo importante nel percorso di Back Market e, soprattutto, per l’economia circolare nel suo insieme“.

Thibaud Hug de Larauze -Crédit _Julie Glassberg

In linea con la sua missione principale: Back Market determinata a rendere mainstream la tecnologia circolare offrendo un’esperienza persino migliore dell’acquisto di nuovi prodotti.

La fiducia nell’elettronica ricondizionata è fondamentale per realizzare la visione di un’economia circolare. Ecco perché Back Market è orgogliosa che la percentuale media di guasti registrati sulla piattaforma è pari al 4%, cioè quasi uguale all’analogo e non ufficiale dato del 3% relativo ai nuovi dispositivi. Uno degli obiettivi principali per l’azienda sarà limitare ulteriormente i tassi di difettosità su tutti i dispositivi, in modo che i consumatori abbiano un’alternativa sostenibile all’acquisto di nuove tecnologie. La qualità è ulteriormente assicurata da una garanzia contrattuale fino a 1 anno su tutti gli acquisti.

I consumatori stanno adottando abitudini più rispettose dell’ambiente e il divario tra l’attenzione al Pianeta e i comportamenti reali inizia a ridursi. Secondo uno studio condotto da Kantar, 1 acquirente su 5 afferma di aver adottato abitudini più sostenibili dall’inizio della pandemia nel marzo 2020.

È un dato davvero incoraggiante, considerando che il 90%* della carbon footprint di un dispositivo elettronico deriva dal processo di produzione. Allungare la vita degli smartphone e degli altri dispositivi elettronici contribuisce significativamente al rallentamento del cambiamento climatico.

La customer experience è tutto: Back Market impegnata a investire fortemente nella qualità totale e in una fluida esperienza per i consumatori.

Oltre a prodotti di altissima qualità, Back Market offre anche spedizioni veloci e un servizio clienti eccezionale.
Portiamo le migliori pratiche di e-commerce a un livello superiore con la qualità premium dei nostri prodotti e indirizzando immediatamente i clienti verso i venditori con le migliori performance per lo specifico prodotto ricercato. La qualità dei venditori è monitorata grazie a oltre 20 parametri“, afferma Hug de Larauze.

Back Market mira a rafforzare la propria posizione in tutta Europa

Back Market è stato uno dei primi marketplace di elettronica ricondizionata in Europa e da allora ha affermato la posizione di leader nel settore. In Germania, la società investirà 60 milioni di euro e vuole triplicare le dimensioni del team locale.

Attiva già in 13 paesi europei, l’azienda continuerà a investirvi massicciamente per consolidare la posizione in questi mercati strategici, perseguendo al contempo gli ambiziosi piani di espansione in Europa e non solo.

Going circular: la chiave è in una tecnologia che duri (quasi) per sempre

Sebbene ci siano certamente problemi più grandi sul tavolo, è importante ricordare quanto l’elettronica sia un pezzo rilevante del puzzle ambientale.

I rifiuti elettronici sono la tipologia di rifiuti solidi a più rapida crescita a livello globale nonché la più tossica. L’82,6% dei rifiuti elettronici non verrà riciclato correttamente, soprattutto perché le attuali infrastrutture non riescono semplicemente a tenere il passo del rapido ritmo di iperproduzione. C’è molto lavoro da fare.

Riutilizzare, riparare e ricondizionare la tecnologia quanto più possibile riduce al minimo la necessità di acquistare dispositivi nuovi di zecca. Ed è qualcosa che, senza maggior impegno o spesa, chiunque può fare per ridurre la carbon footprint complessiva derivante dall’elettronica.

Con oltre 6 milioni di clienti in tutto il mondo, Back Market sta catalizzando un cambiamento fondamentale nel comportamento dei consumatori e indirizzando il dibattito su come le persone consumano tecnologia.

Henrik Persson, Managing Partner di Sprints Capital: “La domanda dei consumatori per lo shopping sostenibile è una tendenza su cui Sprints investe da oltre un decennio. Prolungando la vita di milioni di prodotti elettronici di consumo e fornendo accesso a basso costo ai migliori prodotti, Back Market cambia il mondo in meglio. L’azienda è ben posizionata per diventare nel mondo l’alternativa numero uno all’acquisto di nuove tecnologie“.

Yann Du Rusquec, Managing Partner di Eurazeo: “In quanto forti sostenitori dell’economia circolare e della mission di Back Market di agire contro i modelli di consumo eccessivo, siamo lieti di partecipare a questa nuova raccolta fondi. Crediamo che Back Market si trovi davanti a un’enorme opportunità e abbiamo maturato una grande fiducia nella capacità del team di sfruttarla”.

Chris Caulkin, General Atlantic Managing Director, Head of Technology per l’EMEA e membro del Consiglio di amministrazione di Back Market: “Mentre l’economia circolare sta diventando un’opzione sempre più interessante per i consumatori a livello internazionale, Back Market continua a crescere e trasformare il mercato globale dell’elettronica ricondizionata. General Atlantic è fortemente convinta della mission di Back Market di rendere l’acquisto di hardware tecnologico un’esperienza più fluida e sostenibile per i clienti e siamo entusiasti di continuare la nostra partnership con il suo incredibile team”.

Shalini Rao, Growth Equity Partner di Generation Investment Management: “Back Market continua a crescere in modo sempre più forte, emergendo come un vero leader nel mercato dell’elettronica di consumo sostenibile. Siamo ispirati dagli sforzi che l’azienda compie affinché per i consumatori sia preferibile acquistare prodotti elettronici usati invece di quelli nuovi. Crediamo che il focus di Back Market su questo obiettivo consentirà all’azienda di distinguersi nel mercato, oltre a rendere diffuse le abitudini di consumo sostenibili”.

* The Shift Project

Back Market
Lanciata nel 2014 da Thibaud Hug de Larauze, Quentin Le Brouster e Vianney Vaute, Back Market è il principale marketplace mondiale dedicato alla tecnologia ricondizionata. L’azienda offre dispositivi elettronici ed elettrodomestici ricondizionati professionalmente e di alta qualità a clienti di 16 paesi (Stati Uniti, Francia, Germania, Regno Unito, Italia, Spagna, Belgio, Austria, Paesi Bassi, Portogallo, Giappone, Finlandia, Irlanda, Grecia, Slovacchia e Svezia). Impiega un team di 65 0 dipendenti in continua crescita nei suoi 4 uffici di New York, Berlino, Parigi e Bordeaux.

Sprints Capital
Sprints Capital è una società di private equity indipendente con sede a Londra che investe in aziende che attraversano una fase avanzata di crescita grazie al supporto della tecnologia e hanno modelli di business comprovati, posizioni di mercato forti e durature e team eccellenti, principalmente in Europa. Negli ultimi due decenni, il team di Sprints Capital ha investito oltre 2 miliardi di euro in più di 50 imprese di Internet, molte delle quali sono cresciute fino a diventare alcune delle più grandi aziende abilitate dalla tecnologia in Europa e non solo. Blocket, Leboncoin, Avito, Vinted e Chrono24 sono esempi di aziende focalizzate sul settore dell’usato che il team ha sostenuto nel corso degli anni.
Per ulteriori informazioni su Sprints Capital, visitare il sito web: www.sprintscap.com.

Eurazeo
Eurazeo è un gruppo leader nel global investment, con un portafoglio diversificato di 27 miliardi di euro di attività gestite, di cui 19,2 miliardi di euro da terzi, investiti in oltre 450 società. Con la sua notevole esperienza in private equity, real estate e debito privato , Eurazeo affianca aziende di tutte le dimensioni, supportandone lo sviluppo attraverso l’impegno dei suoi 3 50 professionisti e offrendo una profonda expertise del settore, una porta di accesso ai mercati globali e un punto d’appoggio stabile e affidabile per la loro crescita evolutiva. La sua solida base di azionisti istituzionali e familiari, la robusta struttura finanziaria priva di debiti strutturali e l’orizzonte di investimento flessibile consentono a Eurazeo di supportare le sue aziende nel lungo termine.
Eurazeo ha uffici a Parigi, New York, San Paolo, Seoul, Shanghai, Singapore, Londra, Lussemburgo, Francoforte, Berlino, Milano e Madrid. Eurazeo è quotata a Euronext Paris.

Aglaé Ventures
Aglaé Ventures è una società internazionale di venture capital con sede a Parigi, New York e San Francisco, sostenuta da Groupe Arnault, azionista di controllo di LVMH. Aglaé Ventures investe da 100 mila a 100 milioni di Euro in attività di asset light e in società tecnologiche in rapida crescita in tutte le fasi. Negli ultimi 20 anni, Aglaé e le sue affiliate hanno sostenuto alcune delle più iconiche società tecnologiche a livello mondiale, tra cui Netflix, Slack, Spotify, Airbnb, Automatic, eToro e molte altre.

General Atlantic
General Atlantic è una società di growth equity leader a livello mondiale con oltre 40 anni di esperienza. Nel corso della sua storia, ha fornito capitale e supporto strategico a più di 445 società in crescita. Fondata nel 1980 per collaborare con imprenditori visionari e offrire effetti durevoli, l’azienda combina un approccio globale collaborativo, competenze specifiche nel settore, un orizzonte di investimento a lungo termine e una profonda comprensione dei fattori di crescita per affiancare grandi imprenditori e team di management nell’espansione di business innovativi nel mondo. Attualmente General Atlantic ha oltre 86 miliardi di dollari di asset in gestione, inclusi tutti i prodotti al 30 settembre 2021, e oltre 215 professionisti degli investimenti che operano da New York, Amsterdam, Pechino, Hong Kong, Giacarta, Londra, Città del Messico, Mumbai, Monaco di Baviera, Palo Alto, San Paolo, Shanghai, Singapore e Stamford. Per ulteriori informazioni su General Atlantic, visitare il sito Web: www.generalatlantic.com.
Generation Investment Management
Generation Investment Management LLP si dedica agli investimenti a lungo termine, alla ricerca sulla sostenibilità integrata e al client alignment. È una società indipendente, privata e gestita dai soci, fondata nel 2004, con sede a Londra e un ufficio a San Francisco negli Stati Uniti. Generation Investment Management LLP è autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority.www.generationim.com.

TI POTREBBE INTERESSARE

Contentsquare registra una crescita del business del 98% nel 2021 continuando ad accelerare l’innovazione e l’espansione del mercato

Dopo il round di finanziamento di Serie E da 500 milioni di dollari, l’azienda leader …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.