Che cos’è il mindset e come allenarlo con 15 domande

La vita porta svariati cambiamenti ogni giorno, sia personale che lavorativa. Nel vivere i cambiamenti è fondamentale impostare un mindset corretto per avere l’atteggiamento mentale corretto.

Proprio come è importante allenarsi per mantenere il corpo sano, è altrettanto cruciale la forma mentis, esercitare la mente per poter far fronte a periodi in cui aumenta la complessità.

Allenare il proprio mindset attraverso strategie specifiche, che possono essere apprese e messe in pratica tutti i giorni, aiuta a realizzare i propri obiettivi di crescita personale e lavorativa.

Una mentalità di crescita adatta rappresenta il punto di partenza per avere una visione vincente, capace di superare gli ostacoli e le avversità.

Di seguito vedremo cos’è il mindset, con alcuni esempi pratici, nonché come allenarlo grazie al coaching per poter raggiungere un obiettivo sfidante.

Mindset

Significato di mindset

Con una traduzione italiana che può comprendere sia “mentalità” sia “atteggiamento“, mindset è un termine di origine anglosassone divenuto sempre più comune anche nella lingua italiana.

Il mindset è un elemento importante all’interno del più ampio percorso di sviluppo personale, che comporta una continua evoluzione della persona.

Il concetto di mindset è strettamente legato alla percezione che un individuo ha del proprio essere, soprattutto in relazione alle avversità e al loro superamento.

Può essere che diversi fattori hanno contribuito a formare una mentalità che rende difficile impegnarsi per migliorare le proprie prestazioni.

In questo caso si ritiene vano ogni sforzo, si avrà un mindset poco efficace, basato sulla convinzione di non possedere nemmeno un talento, che le proprie abilità e inclinazioni non possano essere cambiate.

Con un mindset positivo si è maggiormente predisposti a credere che con l’impegno sia possibile:

Il mindset, divenuto in gran parte sinonimo di mentalità orientata alla crescita, definisce quell’atteggiamento per cui attraverso lo sforzo e la costanza diventa possibile sviluppare talenti e capacità.

Che cos’è il mindset

Volendo semplificare, il mindset svolge una funzione fondamentale nel modo in cui si gestiscono i problemi, ma anche la predisposizione a cogliere le opportunità.

Dal momento che si associa il proprio impegno alla possibilità di ottenere un risultato, viene più naturale sforzarsi e di conseguenza, ottenere quanto sperato.

Un esempio pratico può aiutare a comprendere come il mindset definisce il modo in cui si affrontano novità e cambiamenti ed è spesso, insieme all’intelligenza emotiva, è associato a prestazioni eccellenti.

Quando un bambino ha un mindset positivo, è orientato all’apprendimento e vuole scoprire cose nuove.

Grazie a questo atteggiamento, che spesso risulta anche in performance scolastiche buone, si allena la capacità di evolvere e di conseguenza la propria percezione di efficacia.

Ne consegue che una volta diventato adulto, lo stesso bambino ha maggiori probabilità di tenere duro anche di fronte a eventuali battute d’arresto.

Con una mentalità orientata al miglioramento personale, anche i momenti di difficoltà vengono visti come una possibilità per imparare e crescere.

Al contrario, senza un mindset positivo, sarà più probabile arrendersi di fronte a circostanze difficili.

Non tutti crescendo abbiamo modo di sviluppare un mindset orientato alla crescita.

Se vuoi comprendere qual è il tuo mindset, un un coach può aiutarti a focalizzare quali sono i tuoi atteggiamenti, per poi strutturare un approccio personalizzato mirato ad apprendere la mentalità corretta.

Come allenare il mindset

Attraverso un percorso di life coaching se si vuole lavorare nella sfera privata, o di business coaching se si vuole lavorare nella sfera professionale, è possibile:

  • Intraprendere un percorso one to one, volto al miglioramento personale.

Attraverso un percorso dedicato e domande da fare specifiche possono emergere le proprie inclinazioni, come ad esempio la tendenza a voler rimanere nella propria comfort zone oppure ad abbandonare un progetto di fronte alle complessità.

Nell’ottica di allenare il proprio mindset è fondamentale infatti capire quali sono le proprie risposte d’impulso, per definire come possono esserci d’intralcio nei momenti difficili.

Il primo passo è quello del riconoscimento, per poi passare agli aspetti più pratici, pensati per dare tutti gli strumenti necessari per imparare a focalizzarsi in maniera positiva e, di conseguenza, allenare la mente al successo.

Il coaching supporta a:

  • Riconoscere quando c’è un limite che blocca una performance di successo.
  • Fornisce un supporto per far si che la persona comprenda da solo le motivazioni e le soluzioni da mettere in atto.

Questi spunti, che possono spaziare dall’incapacità di concentrarsi, dall’abitudine di procrastinare, fino alla sensazione di avere la mente concentrata da pensieri negativi che con pratica e costanza può essere trasformata in concentrazione.

Una persona con un mindset di successo da forma concreta ai propri pensieri, imparando a riconoscerli e focalizzarli per i propri obiettivi.

Da sempre utilizzata, anche in maniera istintiva, da chi possiede un mindset vincente, questa tecnica di visualizzazione offre numerosi benefici.

Tipologie di mindset

Carol Dweck, psicologa e ricercatrice a Stanford è una studiosa del Mindset che lo divide in due tipologie specifiche:

Fixed-mindset

Fixed-mindset o mentalità fissa, è relativa a quelle persone che credono e che sono convinti di non riuscire a risolvere un determinato problema e che si fermano davanti aa qualsiasi sfida.

Growth-mindset

Il growth-mindset o mentalità di crescita, appartiene a tutte le persone che sono convinte di riuscire a raggiungere un qualsiasi obiettivo nonostante le avversità che incontrano nel proprio cammino.

Più si è focalizzati sulle proprie potenzialità e sul credere che con impegno si può a raggiungere un obiettivo credibile, maggiore sarà la motivazione.

La motivazione è un elemento imprescindibile per poter affrontare un progetto personale o professionale senza lasciarsi sopraffare dalle difficoltà.

Quando si crea un percorso credibile, fatto di:

  • Obiettivi chiari.
  • Riconoscendo i propri punti di forza e di debolezza.
  • Lavoro costante per migliorarsi.

Diventa quasi automatico apprendere il mindset giusto per arrivare al successo.

Non si tratta di qualcosa che può essere improvvisato, perché solo un professionista può far riconoscere alla persona con quale mindset si approccia alle cose che fa.

Per questo è importante è importante che la persona costruisca il percorso migliore per trovare le energie e risorse giuste per arrivare al successo.

Persone con una mentalità statica

  1. Hanno paura delle sfide e vogliono evitarle.
  2. Hanno paura di fallire.
  3. Rimangono nella propria zona di comfort.
  4. Nascondono le sconfitte, battute d’arresto e fallimento
  5. Pensano di avere solo determinati talenti, la loro intelligenza è fissa.
  6. Non sono orientati alla performance.
  7. Si arrendono rapidamente quando pensano che qualcosa non va.
  8. Giudicano gli altri.
  9. Hanno bisogno di riconoscimento dall’esterno.
  10. Non sanno gestire la critica.
  11. Sono gelosi dei successi degli altri.

Persone con una mentalità dinamica

  1. Considerano le sfide come opportunità.
  2. Sono resilienti.
  3. Sono alla ricerca di cose nuove.
  4. Imparano dai loro errori.
  5. Conoscono le loro debolezze e e si applicano per superarle.
  6. Non si arrendono.
  7. Cercano il miglioramento continuo.
  8. Riflettono sul proprio comportamento.
  9. Accettano le critiche e ascoltano i feedback.
  10. Si lasciano ispirare dai successi degli altri.

Domande chiave per riconoscere e allenare il mindset

Anche di fronte ai fallimenti, un coach saprà supportare per far uscire le risposte giuste e rendere consapevole di cosa e del perché qualcosa non ha funzionato.

Se non si è naturalmente dotati di questa predisposizione, è possibile allenare il proprio mindset nell’ottica della crescita costante imparando a fare cose nuove.

  1. Come mi vedo?
  2. Cosa vorrei fare veramente nella vita?
  3. Quanto pesa per me il giudizio degli altri?
  4. Cosa mi blocca?
  5. Come posso superare la paura del fallimento?
  6. Chi mi può aiutare a raggiungere l’obbiettivo?
  7. Quali sono le interferenze interne che mi bloccano?
  8. Quali sono le interferenze esterne che mi fanno perdere tempo?
  9. Come posso le eliminare le interferenze interne ed esterne?
  10. Come gestisco il tempo ogni giorno?
  11. Quanto mi costa emotivamente non fare quello che amo?
  12. Quali sono i miei talenti naturali?
  13. Come posso allenare le mie potenzialità?
  14. Chi e Cosa devo eliminare dalla mia vita che mi trattiene dal mio obiettivo?
  15. E’ più importante quello che voglio io o quello che gli altri si aspettano da me?

Uno dei mindset vincenti per eccellenza è quello delle persone di successo che non si percepiscono come esseri immutabili, in balia di fattori esterni alla propria volontà, quanto piuttosto di work in progress in continua evoluzione.

Potrei inserire molte altre domande per lavorare sul mindset. Ho preferito scrivere queste 15 domande perché le ritengo le più efficaci come punto di partenza. Rispondere a queste domande è l’inizio di un percorso per approfondire la visione che si ha di se stessi.

Il percorso di sviluppo e allenamento di una mentalità vincente è un atto continuo, sarà sempre più facile lavorarci dopo che diventa un’abitudine. Avere un mindset vincente è un’abitudine che si acquisisce con impegno e costanza.

Arriverà il momento in cui avere un’atteggiamento di forza davanti ad un problema sarà spontaneo come respirare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *