Digital News

Ecommerce, ecco come aprire il proprio

Sviluppare un proprio ecommerce è diventato un fattore competitivo e una necessità per gran parte delle aziende. Una esigenza che si è avvertita fortemente durante il lockdown per l’emergenza coronavirus, con i consumatori che si sono rivolti in massa all’online per fare acquisti. La chiusura imposta dal Covid però ha solo accelerato una tendenza di crescita dell’ecommerce consolidata da anni.

Due sono le strade percorribili per dedicarsi all’ecommerce: sviluppare una propria struttura oppure affidarsi ad una piattaforma esterna.

Visto i costi da sostenere e le risorse necessarie, solo le imprese di grandi dimensioni possono seguire la prima via. Si tratta di avere un team interno all’azienda dedicato allo sviluppo dell’ecommerce, con tutto il necessario in termini di risorse hardware, software e personale specializzato.

Una strada non percorribile per le piccole e medie imprese, che devono quindi ricorrere a servizi esterni. Sono numerose le società che offrono soluzioni integrate per supportare le aziende nelle vendite online.

Oltre ad offrire la piattaforma tecnologica necessaria per l’ecommerce, sono in grado di gestire la logistica, il customer care e il marketing. Ma anche consulenze, analisi e formazione del personale interno all’azienda. Il tutto sulla base delle esigenze particolari delle varie imprese.

Esiste anche una via intermedia: un’azienda può infatti ricorrere ad un’agenzia esterna per la piattaforma di ecommerce ed avere allo stesso tempo un piccolo team interno dedicato all’online, in particolare al marketing e alle relazioni con i fornitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *