Digital News

Ecommerce, le tendenze dei prossimi mesi

L’emergenza coronavirus ha avuto un profondo impatto sull’ecommerce in Italia, imprimendo una forte accelerazione nella sua diffusione. Secondo un’indagine di Ipsos Strategy 3, ben tre italiani su quattro hanno fatto acquisti online durante il lockdown.

Lo shopping online in breve tempo è diventata una delle abitudini più frequenti degli italiani, preceduto solo dal tempo passato con familiari e amici, sui media o dedicato agli hobby.

“L’Italia è il paese in cui la frequenza delle pratiche di shopping online è aumentata di più negli ultimi mesi, segnando addirittura un +31%”, ha commentato David Parma, a capo della Divisione Strategy 3 in Italia.

“Si tratta di un dato quasi doppio rispetto a Francia (+16%) e Regno Unito (+18%), paesi dove ecommerce in fase più matura hanno avvertito meno il fattore lockdown. Per chi fa business oggi l’ecommerce è passato da nice-to-have a must-have nell’arco di pochi mesi”.

Ecommerce, cambiano le abitudini

Se comprare e vendere online è stata una necessità durante la quarantena, le previsioni dicono che nei prossimi mesi non ci sarà un ritorno a modalità di acquisto più tradizionali. Secondo l’indagine Ipsos, il 37% degli italiani ha intenzione di acquistare online addirittura di più nei prossimi 6/12 mesi.

Stanno infatti cambiando le abitudini e i modelli di comportamento dei consumatori italiani, che hanno sempre più dimestichezza con gli acquisti online e i servizi digitali.

“La tendenza che rileviamo nelle nostre indagini internazionali – spiega Parma – ci descrive uno shopper più consapevole di quanto spende quando fa acquisti rispetto al periodo pre-covid (60%)”. Una tendenza correlata anche al progressivo abbandono del contante: secondo Ipsos 1 italiano su 3 dichiara che lo userà meno d’ora in poi.

Nonostante la forte crescita dell’ecommerce, restano alcuni problemi: il principale riguarda la consegna dei prodotti acquistati. Secondo l’indagine Ipsos, il 44% degli italiani lamenta tempistiche troppo lunghe, l’11% di non aver ricevuto i prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *