Pagamenti digitali: cosa sono e come funzionano

I pagamenti digitali sono oramai a tutti gli effetti strumenti indispensabili d’uso quotidiano che permettono agevolmente di dare e ricevere del denaro in maniera immediata, senza il bisogno di spostarsi fisicamente. Soprattutto in questo momento di emergenza, infatti, i pagamenti digitali offrono una comodità impagabile e fanno si che tutte le operazioni che solitamente effettuiamo si possano continuare a compiere.

Pagamenti digitali cosa sono e come funzionano

Cosa sono i pagamenti digitali

Iniziamo vedendo nel dettaglio di cosa si tratta e come fare per attivare i pagamenti digitali direttamente con un clic. La comodità di poter effettuare acquisti e pagamenti semplicemente avvicinando la propria carta di credito o lo smartphone ad un dispositivo è divenuta realtà.

L’obiettivo è proprio quello di promuovere gradualmente un mercato ancora più concorrenziale e soprattutto sempre più sicuro: cosa c’è di meglio che avere a portata di mano ogni comodità e contemporaneamente tutta la sicurezza necessaria?

Grazie al Decreto Legge n. 1247 2019 del 26 ottobre sono state introdotte una serie di innovazioni atte a contrastare l’evasione fiscale che si traducono, appunto, nei pagamenti digitali. Tale tipologia di pagamento viene effettuata con strumenti elettronici come credito telefonico, addebito diretto su conto corrente nel caso di acquisto di beni e servizi, borsellino elettronico.

L’introduzione di nuove tecnologie si sta rivelando una valida alleata per la creazione di una rete sempre più sviluppata e di facile accesso tale da semplificare tutte le nuove idee di business. In poche parole la creazione di questi pagamenti digitali andrà ad abbattere tutte quelle realtà nelle quali il distanziamento era creato proprio dalla modalità di pagamento.

Adesso questa difficoltà scompare perché tutti quanti possiamo far girare l’economia anche stando in casa, questa è la grande svolta di un progetto lungimirante volto, oltre alla trasparenza, alla comunità e al vantaggio della rete che è capace di creare connessioni anche dove in precedenza non erano presenti.

Come funzionano i pagamenti digitali

Facciamo un esempio concreto ed analizziamo la situazione attuale: un’intera popolazione si trova costretta in casa e deve fronteggiare la quotidianità tra le mura domestiche. Ebbene, la connessione nata dai pagamenti digitali può facilitare la spesa online, un acquisto da fare, un pagamento irrevocabile, un regalo:

  • Il tutto senza dover uscire ma utilizzando la tecnologia.

L’esigenza di questi nuovi metodi di pagamento è emersa in questo momento preciso proprio per soddisfare una necessità: quella di incrementare dei servizi e di riuscire a possederli in maniera facile per chiunque. Nelle ultime settimane, infatti, questi servizi hanno avuto un incremento verticale del loro utilizzo: pensate alle ricariche telefoniche che sono una necessità primaria e che può essere soddisfatta senza alcuna problematica.

Quali sono le varie piattaforme che permettono questi pagamenti

Tutte le tipologie di pagamenti effettuati in modalità digitale fanno parte di un progetto di inclusione che mira a coinvolgere tutta la popolazione ed indirizzarla verso una svolta dei pagamenti: si parte dagli acquisti on line, effettuabili con carta di credito o conto paypal, per poi arrivare agli acquisti quotidiani tramite l’utilizzo del contactless che avviene avvicinando semplicemente la carta di credito o lo smartphone dopo avere scaricato l’applicazione della relativa banca, fino a satispay che è l’ultimo arrivato.

Satispay, nello specifico, è una app gratuita con la quale si possono effettuare dei pagamenti nei negozi, si possono acquistare servizi e si può scambiare del denaro.

Satispay pagamenti digitali

In questo momento rappresenta una soluzione che favorisce la fidelizzazione del cliente permettendogli al contempo di mantenersi a distanza senza dover maneggiare denaro e neppure appoggiare il telefono sul Pos.

Le stesse banche, analizzando le esigenze legate alla clientela e al prodotto, si sono convertite alla modalità smart per permettere ai propri clienti di semplificare le operazioni ed abbattere così anche molti dei costi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.