SEO: cos’è e come si fa

Come ormai tutti sanno, SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization, che tradotto letteralmente significa “ottimizzazione per i motori di ricerca” e che comprende l’insieme di strategie finalizzate ad aumentare la visibilità di un sito web.

Un simile obiettivo può essere raggiunto migliorando il posizionamento nelle classifiche dei principali motori di ricerca, per offrire agli utenti la risposta che vanno cercando riguardo a prodotti oppure a servizi.

Poiché Google è il motore di ricerca più importante in assoluto, quasi tutte le attività della SEO dipendono dall’algoritmo di Google e dai suoi costanti aggiornamenti.

L’ottimizzazione sui motori di ricerca presuppone non soltanto un posizionamento nei primi posti, ma anche un miglioramento della scansione e dell’indicizzazione del sito.

I risultati posti più in alto nella SERP (le pagine di risposta alle interrogazioni degli utenti) sono quelli con maggiore probabilità di essere visualizzati e cliccati, contribuendo in questo modo a incentivare il giro d’affari del sito stesso.

Le attività della SEO si distinguono in due tipologie:

  • On-page: sono attività relative alle pagine interne del sito web.
  • Off-page: sono attività svolte al di fuori del proprio sito web.

Seo ottimizzazione nei motori di ricerca

Qual’è il significato di SEO?

Oltre al suo significato letterale, la SEO deve essere considerata una sigla indicativa del concetto di ottimizzazione di un sito sui motori di ricerca, comprendente tutti i mezzi utili a questo scopo.

Migliorando la posizione di un sito nel ranking di un motore di ricerca (soprattutto di Google), si ottiene un istantaneo aumento di visibilità da parte degli utenti.

I milioni di persone che quotidianamente visitano internet sono spinti, nella maggior parte dei casi, dall’esigenza di trovare prodotti o servizi di cui hanno bisogno.

A cosa serve

Ogni sito è caratterizzato da un traffico organico di click, che corrispondono alle visite effettuate nell’arco di una giornata: quanto maggiore è il traffico organico, tanto più alte sono le probabilità che un semplice visitatore si trasformi in consumatore occasionale.

Grazie a un successivo processo di fidelizzazione, il consumatore abituale può diventare un cliente abituale, appartenente al target di riferimento.

Nel momento in cui utilizza Google, l’utente è spinto da una query (ricerca) a cui il motore di ricerca risponde con una pagina di risultati che, in prima istanza, riporta solitamente 10 link.

La loro scelta dipende dall’algoritmo di Google, i cui criteri mutano continuamente e vengono aggiornati con estrema frequenza, per esaudire al meglio le domande dei consumatori.

L’obiettivo finale di ogni sito rimane sempre quello di attirare il maggior numero di persone che costituiscono in ultima analisi i responsabili del successo o dell’insuccesso di qualsiasi attività commerciale on-line.

I motori di ricerca devono fornire le risposte più utili agli utenti, elaborando tutti i dati a disposizione che, per essere costantemente aggiornati, possono modificarsi con estrema velocità.

Gli algoritmi predittivi stabiliscono, volta per volta, la definizione di risposte pertinenti alle query del pubblico, seguendo una visione strategica globale in linea con le esigenze del momento.

In questo senso quindi la SEO deve essere considerata come una realtà fluida e in continua evoluzione che, sfruttando schemi predefiniti, è in grado di elaborare strategie specifiche.

Come si fa la SEO?

La SEO on-page comprende tutte le forme di interventi che un consulente seo può realizzare appunto sulla pagina ovvero all’interno del sito, lavorando sulle caratteristiche distintive del sito e facendo in modo che esso sia differente da tutti gli altri, per arrivare a colpire in modo significativo gli utenti.

Operare correttamente sulla SEO on-page rimane ancora oggi un supporto cruciale per realizzare il successo di un sito, non soltanto in termini di traffico, ma anche di ranking.

In questi casi, l’ottimizzazione si ottiene in seguito al progressivo miglioramento della posizione sui motori di ricerca, intervenendo soprattutto sui contenuti e sul codice HTML.

  • Scelta del titolo (title).
  • Definizione del meta-title.
  • Url.
  • Leggibilità grafica.
  • Organizzazione della pagina.
  • Intuitività.
  • Corretto uso delle keyword.
  • Inserimento di link interni.

La SEO off-page comprende tutte le azioni effettuate al di fuori del sito di proprietà, che hanno lo scopo di richiamare visite influenzando positivamente il posizionamento della pagina sui motori di ricerca.

Questa metodica comprende tutto quello che viene eseguito altrove dal sito, per migliorare la sua affidabilità e autorevolezza.

I mezzi utilizzati in questo caso sono:

  • Creazione di backlink.
  • Condivisioni sui social.
  • Affiliazioni.
  • Coinvolgimento di piattaforme terze.
  • Link building.

Se gestita correttamente, la tecnica SEO può realmente migliorare l’indicizzazione del sito concentrandosi sulla struttura, sulla navigabilità e sull’utilizzo dei dati strutturati.

Quali sono le attività SEO

Le attività di un’agenzia SEO si concentrano innanzitutto sulla promozione del sito, che deve coinvolgere un sempre maggiore numero di utenti in seguito al rafforzamento della sua credibilità su Google.

È necessario inoltre superare i competitor con un’autorità percepita come superiore dall’algoritmo di Google.

Credibilità, pertinenza e affidabilità sono le strategie più importanti per far capire alla SEO che molti utenti fanno riferimento al proprio sito, poiché trovano risposte alle loro query di ricerca.

Un simile processo avviene mediante i fattori di ranking, che sono segnali determinanti per l’ottimizzazione delle pagine web.

Il complesso algoritmo di Google permette di capire cosa pensano gli utenti del sito e quindi di posizionarlo in maniera adeguata.

Influenzare il posizionamento sui motori di ricerca significa migliorare la percezione qualitativa del sito da parte non soltanto degli utenti ma anche degli stessi motori di ricerca.

I link vengono considerati l’elemento più importanti della SEO in quanto vengono utilizzati per aumentare il trust del sito stesso.

Massimizzando il numero di link in ingresso, la SEO contribuisce a incentivare il giro d’affari e quindi il business del sito stesso.

Strumenti utilizzati per fare SEO

Tra i tanti strumenti per fare SEO cito i seguenti:

Google Search Console

E’ considerato tra i più importanti tools gratuiti che consentono di impostare al meglio il rapporto tra sito e utenti. Per consentire a questo strumento di raccogliere dati attendibili, viene utilizzato il codice di tracciamento HTML, oltre che ripetute verifiche sullo stato di salute generale del sito;

Sem Rush

E’ una delle piattaforme più apprezzate dagli specialisti di settore grazie al vasto assortimento dei tools offerti per monitorare l’andamento e l’efficacia delle strategie adottate. Questo portale freemium consente di ottenere fino a un massimo di 10 report giornalieri, comprendenti panoramiche globali, ricerche organiche, backlink e keyword selezionate;

SEO Zoom

Consente di monitorare contemporaneamente il proprio sito e la relativa attività dei competitor, sfruttando analisi approfondite decisamente più sofisticate di quelle tradizionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.