Cos’è SEOZoom e perché i professionisti dovrebbero usarlo

Si chiama SEOZoom, è nato dall’idea di due imprenditori napoletani e, in pochi anni, ha contrastato e superato competitor internazionali dotati di risorse molto superiori, diventando la suite SEO e Web Marketing più utilizzata in Italia. Merito delle sue caratteristiche e funzionalità, ma anche dei continui aggiornamenti e di un’assistenza diretta e dedicata che risolve dubbi e problemi degli utenti.

Seozoom

Che cos’è SEOZoom

SEOZoom è un alleato strategico per tutte le attività online, uno strumento completo con cui analizzare, monitorare, confrontare e potenziare un sito web di ogni tipologia, dal piccolo blog personale fino a progetti editoriali e siti e-Commerce, con l’obiettivo di migliorarne la visibilità sui motori di ricerca e quindi i rendimenti.

Caratterizzato da un’interfaccia semplice e da comandi intuitivi, SEOZoom offre una panoramica chiara e veloce sull’andamento di tutti i siti web, permettendo anche a chi non ha particolare esperienza con i dati di scoprire subito cosa stia funzionando nella propria strategia SEO e quali aspetti invece sono da correggere per raggiungere il pieno potenziale e ottenere introiti maggiori.

La storia di SEOZoom

A “inventare” SEOZoom sono stati Ivano Di Biasi e Giuseppe Liguori, imprenditori e professionisti del Web già noti nel settore con l’agenzia SEO Cube (una delle più affermate a livello italiano), specializzata in consulenze e soluzioni per le strategie SEO e con un portfolio clienti nazionali e internazionali.

Il debutto ufficiale di SEOZoom arriva il 15 dicembre 2015, al termine di un periodo di sperimentazione e beta test affidato a una serie di “early adopter” selezionati: cinque anni dopo, la suite vanta oltre 25mila clienti attivi solo in Italia e un fatturato che supera i due milioni di euro, con ulteriori prospettive di crescita grazie all’espansione sui mercati internazionali. Già nel 2019 è stata infatti rilasciata una versione in inglese per le analisi sul mercato online britannico e a breve debutteranno le piattaforme multilingua per gli altri Paesi d’Europa e non solo.

Lo strumento è scelto come alleato quotidiano per le strategie di grandi aziende come, tra le altre, Mondadori, ItaliaOnline, Widiba, ePrice, Stroili o Triboo, ma anche da professionisti, semplici blogger e consulenti alle prime armi che vogliono ottimizzare le loro strategie e attività in ambito SEO e produzione di contenuti per il web.

A cosa serve SEOZoom

All’interno di SEOZoom si possono trovare oltre 40 strumenti, costantemente aggiornati, che servono a monitorare miliardi di keyword, studiare la concorrenza, scoprire i volumi di traffico dei siti, definire le migliori strategie per ottimizzarne i contenuti e ottenere indicazioni tecniche per individuare e correggere gli eventuali problemi che bloccano le prestazioni della propria attività online.

Inoltre, anche chi ha un’esperienza limitata nel settore o una scarsa dimestichezza con i software può riuscire comunque a usare SEOZoom in poco tempo, imparando a lavorare in modo più strategico, a ottimizzare le prestazioni del sito e ad analizzare tutti i competitor sul mercato.

Il valore di SEOZoom per chi fa e-Commerce

Sin dal suo esordio, SEOZoom ha adottato un approccio originale e differente ed è stato il primo SEO tool al mondo a offrire una visione del rendimento di un sito web non più basata sul posizionamento di parole chiave (come i banali rank tracker), ma sul rendimento di ogni singola pagina web del sito.

Tale filosofia si è rafforzata nella Panoramica contenuti, uno strumento utilissimo che cataloga tutte le pagine web del sito e le raggruppa in base al rendimento sui motori di ricerca, indicando pagine inutili o duplicate che sprecano il Crawl Budget, casi di cannibalizzazione e tanto altro ancora. Questa funzione è fondamentale per un e-Commerce, perché permette di capire con un semplice colpo d’occhio quali pagine hanno i migliori rendimenti su Google e quali, invece, non danno i risultati sperati e consumano solo spazio e risorse.

In un sito e-Commerce, poi, il testo delle categorie e delle schede prodotto ha un ruolo chiave per intercettare traffico dai motori di ricerca e portare sul sito persone interessate agli acquisti: le informazioni devono essere chiare, complete e tenere in considerazione le query transazionali che gli utenti potrebbero digitare, ma al tempo stesso bisogna evitare il rischio di cannibalizzazione con un eventuale blog. Gli strumenti di SEOZoom semplificano la ricerca di tutte queste informazioni e consentono di ottimizzare ogni aspetto della gestione dei contenuti del sito, una base per il successo in ogni industria o nicchia.

Le funzioni più apprezzate

Tra le altre funzionalità di SEOZoom più apprezzate dagli utenti, e vero punto di forza della suite, ci sono il SEO Spider (uno strumento integrato nella suite per la scansione e il monitoraggio tecnico dei siti), la Time Machine (per analizzare le prestazioni dei siti in specifici intervalli di tempo), il tool Keyword Infinity (un database di keyword in continua espansione), ma anche la Zoom Authority, una metrica originale che si è imposta come uno degli indicatori più usati nel Web per valutare la qualità di un sito web.

Tra le ultime feature aggiunte, vanno segnalati i nuovi strumenti per identificare e migliorare il search intent di tutti i contenuti, ovvero le intenzioni degli utenti che rappresentano il motivo che spinge le persone a “cercare su Google”. Solo comprendendo e intercettando il bisogno che muove l’azione e l’interesse delle persone online si possono infatti dare le giuste risposte e ottenere il gradimento del motore di ricerca.

In particolare, il Search Intent Tool serve a dare insight importanti in fase di progettazione editoriale, così da prendere decisioni strategiche riguardo la stesura di un qualsiasi articolo e sul focus principale su cui incentrarlo. Con URL Search Intent Tool è invece possibile fare un’analisi dei contenuti già pubblicati, per scoprire se rispondono davvero al search intent identificato da Google.

Oltre a questi strumenti editoriali, la suite offre ora anche un utile tool per gestire il flusso di lavoro ottimale della SEO: si chiama SEO Workflow ed è una checklist completa dei principali task e passaggi che servono per avere un sito ottimizzato.

I punti di forza di SEOZoom

La piattaforma si fa apprezzare e preferire anche per il “contatto umano”, perché mette a disposizione degli utenti un sistema di assistenza diretta e in tempo reale raggiungibile attraverso vari canali grazie al supporto del team di SEOZoom, che si impegna anche in webinar gratuiti e formazione.

In questi anni, intorno alla suite su è sviluppata una community online di dialogo e confronto sugli strumenti, ma anche più in generale su spunti, novità e tendenze riguardo il Web, la SEO e il Search Marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *