Home / Interviste / L’artigianato in pelle unico e sostenibile è firmato Double Trouble Bologna

L’artigianato in pelle unico e sostenibile è firmato Double Trouble Bologna

Questa è la storia di Caterina LibouriMargherita Libouri e Rossana Urso, 3 ragazze decisamente creative e intraprendenti che sono riuscite a fare della loro passione per la moda e l’artigianato un brand di articoli in pelle unici e sostenibili: Double Trouble Bologna. Dal laboratorio nato in casa all’atelier con e-commerce il passo è stato breve, Caterina ci racconta la loro entusiasmante avventura!

Team Double Trouble Bologna

Partiamo dal principio: come nasce Double Trouble Bologna?

DTB nasce ormai cinque anni fa. Margherita al tempo stava terminando l’Accademia di Belle Arti a Bologna e decise di realizzare una collezione di abiti e accessori in pelle come progetto finale. Il progetto piacque molto ai professori ma ancora di più alle amiche che chiesero di poter acquistare le borse. Io (gemella di Margherita) e Margherita iniziammo così a creare in casa uno spazio, il laboratorio, e a riempirlo di pellami e macchine da cucire per produrre le nostre prime borse. I nostri accessori piacevano e grazie ai social media riuscivamo a pubblicizzare tutte le creazioni. Si trattava inizialmente di borse con manici intrecciati e frange lunghissime e fluttuose, in pelle e colorata stoffa Wax-africana. La collezione aveva un’ispirazione decisamente afro.
Sono queste infatti le nostre origini, siamo nate a Bologna da mamma italiana e papà del Gabon (Africa Occidentale). Da questo mix di culture traiamo la nostra ispirazione. Nel frattempo la nostra migliore amica Rossana si stava laureando in Design al Politecnico di Milano e così si unì a questo progetto per apportare il suo savoir-faire sartoriale.
Oggi dopo cinque anni stiamo crescendo, anche grazie al nostro e-commerce e al laboratorio/showroom in Via S. Stefano 80 a Bologna.

Il significato del nome scelto per il vostro brand?

Double Trouble è ovviamente un riferimento al nostro essere gemelle. Fin da piccole io e Margherita abbiamo sempre avuto una forte passione per la moda e il disegno. Abbiamo quindi poi nominato il nostro brand così per sottolineare questa duplice vocazione sartoriale.

Dietro le quinte di Double Trouble Bologna siete in 3: Margherita, Caterina e Rossana. Chi siete e qual’è il ruolo di ognuna in Double Trouble Bologna?

Esatto, siamo in tre e divise in ruoli sempre più definiti: Margherita si occupa principalmente di creare le nuove collezioni, in base alla sua ispirazione e ricerca dei trend. Anche la gestione degli shooting dei prodotti è di sua competenza. Rossana è invece colei che è possibile trovare in laboratorio ogni giorno. Si occupa infatti di ricevere e consigliare i clienti, nonché della creazione delle borse su commissione. Io, Caterina, mi occupo invece di comunicazione, marketing e PR. Il sito web, i social media i vari portali di vendita (Amazon, Etsy, Airbnb) sono infatti sempre più importati. Così come le attività digitali di pubblicità, senza le quali, oggi sarebbe difficile continuare a vendere.

La vostra attività vive di un lavoro totalmente artigianale, quanto è importante l’apporto che il mercato digitale porta alla vostra attività e perchè?
Come dicevo è fondamentale puntare anche sul digitale. Solo per fare un esempio, tutto il mese di Aprile il nostro laboratorio è rimasto chiuso. Eravamo molto preoccupate ma creando contenuti, sconti e pubblicità che puntassero al nostro e-commerce, Aprile è stato alla fine il miglior mese subito dopo Natale in quanto a fatturato. Investiamo molto in advertising su Facebook e Instagram oltre che campagne di Search Marketing e remarketing tramite Google Ads. Ultimamente siamo anche riuscite a sviluppare una rete piuttosto incisiva di influencer che creano contenuti e uno storytelling fondamentale. Si tratta di strumenti senza i quali oggi avremmo una visibilità decisamente minore e che ci permettono di crescere giorno dopo giorno.

Double Trouble Bologna

Da bolognesi fiere della vostra città avete reso il tortellino protagonista anche del vostro lavoro. Ce ne volete parlare?

Il tortellino è il simbolo della nostra città e due anni fa, per scherzo, abbiamo provato a realizzarne uno. Ci siamo accorte che la consistenza del pellame è simile a quella della pasta e che quindi, i nostri tortellini erano molto simili a quelli che si mangiano. Il gioco era fatto e con il passare del tempo abbiamo notato come questo prodotto fosse apprezzato non solo in gran parte del Nord Italia, ma anche da molti turisti ed “espatriati” italiani che vivono all’estero. Il tortellino ci ha quindi permesso di raggiungere il mercato estero ed ampliare fortemente il nostro commercio.

Nel vostro e-commerce dispensate anche utili consigli sulla cura e pulizia delle pelli. Come nasce questa idea?

Sì, possiamo dire che DTB oggi si presenta come un brand di artigianato, alternativo, unico e il più possibile sostenibile. Ci contrapponiamo alle logiche del “Fast Fashion” in quanto il nostro obiettivo è quello di creare accessori con un ciclo di vita lungo, che restino nel tempo e che possano essere tramandati di generazione in generazione. Così come succedeva alle nostre mamme o nonne. Per realizzare questa idea bisogna che le borse vengano curate e pulite periodicamente, almeno una volta all’anno. Molti clienti ci hanno chiesto consigli su che prodotti usare o quali creme fossero più adatte, così abbiamo deciso di condividere online la nostra conoscenza.

Il segreto del vostro successo?

Credo che oggi molte persone siano sempre più alla ricerca di brand con una storia, artigianali e unici. L’idea del prodotto “genuino” dal produttore al consumatore ha un valore prezioso e per fortuna sempre più ricercato in Italia e non solo. Siamo quindi forse, nel posto giusto al momento giusto. Oltre questo, abbiamo all’interno del nostro piccolo team, due designer estremamente creative e curiose che hanno fatto della ricerca e dell’innovazione il proprio chiodo fisso. Come ultima cosa, l’esserci digitalizzate già un paio di anni fa, oltre a mettere il cliente sempre al centro dei nostri pensieri, ci ha aiutato a crescere e speriamo che continui così.

Nell’ultimo periodo DTB ha iniziato a produrre anche mascherine in stoffa africana Wax con un doppio strato di Tnt, ovviamente si possono acquistare online!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *