I 100 PRODOTTI DA NON PERDERE su AMAZON

Analisi SEO, cosa è, a cosa serve e come farla

L’analisi Seo del sito è molto importante e rappresenta lo stato di salute di quest’ultimo. La mission principale è quella di verificare criticità ed eventuali migliorie che si devono svolgere per un buon posizionamento sui motori di ricerca. Ma come si fa e quali sono i punti da considerare? Ecco tutto quello che bisogna sapere.

analisi seo

​Che cos’è l’analisi SEO

L’analisi del sito web SEO è una materia molto complessa e profonda che, di norma, viene gestita da un professionista del settore. Nel tempo è diventata sempre più articolata, mentre in passato si poteva svolgere in pochissime ore.

Come anticipato, il controllo SEO del sito web si svolge per verificare se tutto procede al meglio e quali siano gli aspetti da migliorare per raggiungere/mantenere le posizioni al top della prima pagina di Google.

L’analisi del sito web è una delle attività che devono essere svolte per tutte le piattaforme, nessuna esclusa, da un e-commerce sino ad una vetrina semplice con presentazione. Quando realizzarla? Nel momento in cui si crea un nuovo sito web ma anche in caso di migrazione. Ma non solo, infatti se si verifica un mancato traffico o posizionamento sarebbe ottimale svolgere un’analisi SEO approfondita, anche per mezzo di strumenti specifici.

​Come fare una analisi SEO

Una valutazione SEO del sito web segue degli argomenti da trattare che valutano architettura, presenza, posizionamento, contenuti e anche utilizzo. Andiamo nel dettaglio?

​Presenza sul web

Un controllo SEO del sito web si realizza valutando tutti gli aspetti pratici e come prima cosa è importante verificare la presenza sui motori di ricerca (e la posizione dello stesso).

I risultati anomali che si trovano in SERP potrebbero indicare che il sito sia stato compromesso da contenuti spam che hanno portato ad una penalizzazione.

Se si ritiene che il sito web non sia posizionato in maniera corretta o ci siano dei contenuti da valutare, bene rivolgersi ad un esperto SEO che farà un controllo accurato e mirato.

​Analisi dei competitor

Non esiste un sito web che non abbia dei competitor. L’analisi in questione è fondamentale per comprendere tutti i punti di forza nonché debolezza di un sito web: da questo poi si susseguono le campagne future per l’ottimizzazione dei contenuti.

Prima di svolgere l’analisi SEO è bene che si faccia una lista di tutti quelli che possono essere i competitor principali per vedere se corrispondano – o meno – ai nomi trovati all’interno delle SERP.

​Architettura sito web

Non tutti pensano a quanto sia fondamentale l’architettura di un sito web e la sua alberatura. Valutare sempre di come il sito sia strutturato gerarchicamente in merito a tutte le sezioni, dalla Home Page sino alle varie sottocategorie. Google deve comprendere in pochissimo tempo quali siano gli argomenti trattati e tutto il livello di gerarchica presentato.

Ma si parla anche di URL che rappresentano un tassello molto importante per la struttura del sito e su come lo stesso rifletta all’esterno. Un URL breve è migliore rispetto ad uno lungo, non in fatto di estetica ma per fare in modo che l’argomento sia chiaro e che sia anche più semplice da utilizzare (e che contengano tutte le parole chiave principali).

Menu di navigazione

L’analisi SEO del sito web comprende anche la consultazione del menu di navigazione, che comprende tutte le sezioni più importanti. Il menù principale è preferibile abbia solo le voci importanti così da non creare caos o strutture che possano fuorviare l’utente.

Un altro aspetto da valutare è la sitemap XML. Questo è fondamentale per permettere ai motori di ricerca di comprendere tutta la struttura del sito in un attimo: ma per fare questo è bene che un esperto valuti che non ci siano URL bloccanti – errori e che le pagine abbiano la priorità se importanti.

​Contenuti del sito web

Da trattare sono anche i contenuti all’interno di un sito web, con una scelta delle parole chiave al fine che il sito sia posizionato all’interno dei motori di ricerca. Le domande da farsi non riguardano solo l’unicità dei contenuti e la comprensione degli stessi ma anche il posizionamento delle parole chiave e una ricerca continua di quelle adatte ai motori di ricerca (che siano adeguati al testo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Awin