Influencer marketing: cos’è e significato

L’influencer marketing è una forma di marketing che si basa sull’influenza (da qui il termine) che determinati soggetti esercitano sulla scelta e sul potere di acquisto delle persone. Se fino agli anni 90, per fare un esempio, il marketing era basato su testimonial riconoscibili poiché personaggi famosi, oggi è trasmesso attraverso persone “normali” che hanno acquisito notorietà sui nuovi canali web.

Ciò che è variato negli ultimi anni è proprio la tipologia di canale che viene utilizzato per l’advertising: non si tratta più di televisione, giornali, radio e affini, ma di Social Network.

Influencer marketing per e-commerce

L’avvento dei Social Media ha portato in rete l’autenticità della vita reale, Instagram su tutti. Quest’ultimo è uno dei social più utilizzati, con oltre 1 miliardo di utenti attivi può essere sfruttato sia come piattaforma di personal branding sia, soprattutto, come e-commerce poiché Instagram al momento è il primo social commerce.

In poco tempo ha effettuato un vero e proprio balzo in avanti: da piattaforma in cui trovare e fruire contenuti in maniera passiva è diventato social commerce attivo. In pratica vi è già possibile acquistare prodotti con il tag prodotto e per alcuni brand si può comprare direttamente all’interno dell’app.

Anche Facebook, Youtube e Twitter rappresentano un luogo d’incontro e di condivisione, delle vere e proprie community che cui l’utente consumatore considera decisamente di più di qualsiasi annuncio televisivo. Impossibile quindi evitare di fare almeno una valutazione sulla possibilità di inserire nel tuo piano di marketing un collaboratore influencer.

Cos’è e come funziona l’influencer marketing

Si possono individuare tre attori principali nell’influencer marketing: il brand value, l’influencer e il follower.

  • Il primo effetto concreto di un impiego ben riuscito degli influencer è senza dubbio la crescita del brand in termini di valore e di identità.

Una campagna influencer di valore ha il potere di rendere questi fattori durevoli nel tempo. Il senso di appartenenza dello user è proprio ciò che gli farà sempre preferire un certo prodotto piuttosto che un altro, spesso senza dover compiere sforzi ulteriori.

  • Gli influencer esercitano il loro influsso attraverso le loro storie raccontate ad arte.

Fanno leva sull’emozionalità, l’esperienza e sul fatto di essere persone comuni che si fanno apprezzare per la capacità di essersi guadagnati giorno dopo giorno credibilità e merito.

  • I followers sono la base dell’influencer marketing.

Sono loro che decidono chi seguire, chi consacrare da persona comune a influencer e, di conseguenza, a dare precisi segnali su cosa desiderano, quali bisogni vogliono siano soddisfatti e le relative preferenze che vengono registrate ad ogni click dalle piattaforme stesse.

Le risposte dell’influencer marketing nell’e-commerce

I grandi brand hanno capito subito la potenza e le potenzialità di questo processo. Hanno compreso che, analizzando il valore del proporsi solo dove, quando e a chi li desiderasse davvero, si poteva aumentare esponenzialmente il profitto aziendale, riducendo altresì le perdite dovute a tutte quelle azioni di marketing fino a qualche tempo prima non tracciabili e, di conseguenza, ingovernabili.

Questi processi hanno creato anche un nuovo lavoro, fatto da chi lo svolge con passione ed efficienza: l’influencer. Viene da sé che se vuoi far crescere fino alle stelle la tua attività e-commerce, pianificare una campagna di influencer marketing potrà rivelarsi una strategia vincente, soprattutto se attuata correttamente.

Piattaforme, influencer marketing e la misurazione dei risultati

Il primo passo per creare la strategia di influencer marketing è costruire:

  • Il cliente ideale.
  • Il target specifico.
  • La nicchia verso cui ti vuoi dirigere.

Più conosci il tuo pubblico, più facile sarà scegliere l’influencer adatto. Quando un utente effettua ricerche in rete, esprime preferenze.

La persona non è altro che il consumatore tipo di un determinato prodotto o servizio, poterne identificare con precisione il profilo è l’unico fattore che porterà alla concreta opportunità di concentrare le energie nel giusto marketing e ridurre ogni spreco.

Scegliere la giusta piattaforma è il secondo fondamentale step: una volta comprese le preferenze del potenziale pubblico, devi capire su quale piattaforma trascorre più tempo.

In linea generale Instagram si posiziona primo in classifica, seguito da Facebook e Youtube.

Per attività B2B

  • Linkedin.
  • Youtube.

Per attività B2C

  • Facebook.
  • Instagram.
  • Youtube.
  • Tik Tok.

La scelta dell’influencer si rivela strategicamente il passo più difficile. Non a caso esistono vere e proprie agenzie che si occupano di questo fattore, offrendo consulenza su quale sia meglio utilizzare in base al tipo di e-commerce e sul profilo delle Personas interessate.

Una buona idea è quella di controllare i movimenti dei competitors: analizzare ciò che funziona e ciò che invece non funziona nelle strategie dei concorrenti può fornire utili indicazioni su come procedere e su come impostare il tuo modello di marketing.

Non da ultimo, misurare il ROI di una campagna di influencer marketing è essenziale per determinare copertura e risultati. Esistono molti software e strumenti anche online che puoi utilizzare per determinare la portata dell’intera campagna di influencer marketing, inoltre puoi controllare e tener traccia in tempo reale di tutti questi fattori:

  • Click.
  • Numero di follower.
  • Impressioni.
  • Commenti.
  • Azioni effettuate sui post e sui link.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *