Email marketing per e-commerce, perché funziona

Grazie ai progressi delle tecnologie digitali, oggi la promozione è più facile rispetto al passato e si hanno a disposizione svariati strumenti da utilizzare. In particolare lo strumento dell’email marketing per e-commerce ha dato la possibilità di rimanere in contatto con chiunque, anche quando ci si trova in zone diverse o in punti opposti del globo.

Oggi, sfruttando l’indirizzo email, chiunque, persona o azienda che sia, può pianificare una campagna di email marketing.

Cos’è l’email marketing

Secondo la definizione che dà Wikipedia, l’email marketing è:

Un tipo di marketing diretto che usa la posta elettronica come mezzo per comunicare messaggi, commerciali e non, al pubblico.

Nello specifico l’email marketing per e-commerce, applicata quindi allo shopping online, è una strategia atta a distribuire ogni genere di comunicazione attraverso la casella di posta riguardante la propria attività, personale o aziendale, che si pone l’obiettivo di creare e sviluppare relazioni commerciali, promuovere un brand e prodotto o aggiornare sull’attività che si svolge.

Dati e trend sull’email marketing

Secondo una ricerca svolta da DMA (Data & Marketing Association), ogni azienda che ha investito sull’attività di email marketing ha avuto un ritorno del:

  • 3800% sulla spesa effettuata (in pratica, 38 dollari per ognuno speso).

Stando, invece, ai dati forniti da Statista, nel:

  • 2018 sono state scambiate circa 281 miliardi di email.
  • 2022, dovrebbe salire fino a 333 miliardi.

Chi lavora come professionista nel settore e-commerce vede nell’email marketing per e-commerce uno strumento efficace:

  • Il 59% di loro lo considera un canale privilegiato.

Inoltre, secondo i dati di Emarsys, le email promozionali sono tuttora considerate il mezzo principale e più efficace per fidelizzare i clienti, meglio addirittura dei social media e dei servizi a pagamento.

Stando a una ricerca effettuata da Email on Acid su un campione di circa tremila soggetti che lavorano nel campo dell’Email Marketing:

  • l’87% di loro ha dichiarato di voler aumentare il budget investito nell’email marketing fino ad oggi.

Infine, secondo i dati di Campaign Monitor, una campagna effettuata tramite email marketing genera un numero di conversioni superiore del:

  • 174% rispetto a una condotta attraverso il social media marketing.

Perché fare email marketing

Affidarsi all’email marketing per e-commerce visto il tasso di conversione molto interessante presenta vari vantaggi, in particolare dal punto di vista economico.

Investire il tempo inviando email, a clienti o contatti che si iscrivono alla newsletter attraversa una piattaforma di email marketing permette di risparmiare ottenendo spesso risultati molto apprezzabili soprattutto per riprendere il carrello abbandonato e stimolare la chiusura dell’acquisto.

Tuttavia, un investimento economico, seppur minimo, è necessario per trattenere le relazioni con i clienti, ma sicuramente i costi saranno molto meno pesanti rispetto ad altre classiche metodologie di marketing.

Sarà sufficiente organizzare una newsletter ben fatta e accattivante oppure preparare una comunicazione che aiuti i contatti a tenere alta l’attenzione verso l’azienda o il prodotto, magari avvisandoli in anticipo su novità o iniziative.

  • Fare email marketing significa non perdere mai il rapporto diretto con chi ci interessa.

Inoltre, inviando una sola email eviteremo perfino di risultare troppo fastidiosi o insistenti. Mettere in atto una corretta strategia di email marketing permette di avere un canale preferenziale sempre aperto, sia da parte di chi deve farsi conoscere o comunicare, sia da parte di chi, invece, deve dare riscontro, perché inviare un feedback rispondendo a una email è altrettanto facile e immediato.

Come fare email marketing per e-commerce

Per chi vuole utilizzare questo strumenti di promozione, è importante raccogliere l’indirizzo email dei potenziali clienti attraverso le landing page e specifiche call to action, in modo che gli utenti possano lasciare i propri dati personali in modo da effettuare campagne di email marketing mirate e ottenere dei tassi di apertura e click through molto più alti visto che sono stati raccolti dati specifici e mirati.

Innanzitutto, bisogna fare una distinzione tra le diverse tipologie di email marketing. Le aziende di solito utilizzano due strade diverse:

  • Le comunicazioni ufficiali e professionali vengono inoltrate tramite le cosiddette DEM, acronimo di Direct Email Marketing, e le newsletter.

Come DEM vengono identificate tutte quelle comunicazioni inviate a scopi pubblicitari, mentre le newsletter comprendono i messaggi inviati a chi si è iscritto ad un servizio preciso. Entrambi sono interessanti e prolifici metodi di fare email marketing, ma ognuno di esso ha caratteristiche specifiche, che si adattano alla clientela o ai contatti a cui ci si rivolge.

Le DEM, per esempio, si spediscono occasionalmente, soltanto quando c’è bisogno di pubblicizzare qualcosa, come un nuovo prodotto o un nuovo servizio. Le newsletter, invece, hanno una precisa calendarizzazione e si trasformano in un vero appuntamento fisso tra azienda e cliente.

Anche il layout grafico è diverso e, mentre per i messaggi DEM si punta a cambiare spesso, portando il destinatario a cliccare su un link, per le newsletter si tende a mantenere la struttura uguale, in modo tale che l’aspetto della email diventi familiare e la ricezione un’abitudine.

Come fidelizzare gli utenti

Per le email DEM spesso vengono utilizzate email fidelizzate, in modo tale da compiere veri e propri invii mirati quando l’iscrizione è consapevole da parte dell’utente, per cui si ha la certezza che arrivi a persone realmente interessate.

Una piattaforma di email marketing molto utilizzata per raccogliere e gestire l’invio di email marketing è Mailchimp. Uno strumento molto efficace che permette di creare template dedicati e offre tutte le statistiche dell’andamento della campagna marketing come, ad esempio, il tasso di apertura.

Infine, mentre le comunicazioni DEM sono per lo più generiche e destinate ad una fetta di pubblico eterogeneo, la newsletter può essere costantemente personalizzata:

  • Sia nei contenuti che nella frequenza di invio.

Uno degli obiettivi principali dell’email marketing è fidelizzare il cliente. Per fare ciò bisogna innanzitutto instaurare un vero e proprio rapporto consolidato:

  • Una relazione che duri nel tempo e che venga costantemente migliorata e aggiornata, a seconda delle rispettive esigenze.

Di conseguenza diventa fondamentale sfruttare nel modo giusto tutte le informazioni che si possiedono inviando comunicazioni:

  • Sempre più personalizzate.
  • Precise.
  • Che soddisfino gli interessi dei destinatari.

In questo modo l’email marketing può diventare uno strumento ideale e molto efficace per trasformare dei contatti in clienti acquisiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *